È da Genova che partono i talenti per le migliori università d’Italia (dal Secolo XIX del 07/09/2016)


4 Primi posti e un 2’ posto su 5 Selezioni nazionali. Migliaia i candidati.

Dietro ai successi c’è un metodo innovativo.

aula_Doria2

Ragazzi e ragazze da tutta Italia arrivano dopo un anno di formazione dal vivo oppure in modalità online all’appuntamento dell’estate, la tappa obbligata è quella che si svolge in Piazza della Vittoria, 15 a Genova, la sede è quella della Cordua Formazione.

Una vera e propria scuola di eccellenza, un campus che unisce competenze e motivazioni che non si erano ancora viste nel panorama italiano.

Il team è composto da una biologa, una chimica, una fisica, una linguista, una psicologa e l’ideatore del metodo.

L’obiettivo è raggiungere un posto tra i migliori atenei universitari d’Italia nell’ambito medico sanitario.

In testa ci sono non solo le università statali di Medicina, ma soprattutto quelle più blasonate come la Cattolica di Roma e il San Raffaele di Milano.

Sono 4 i primi posti raggiunti su 5 selezioni tenute nell’ultimo anno, al quale si aggiunge un 2’ posto nella 5’ selezione.

Valore che aumenta se si considera che le 5 selezioni in questione sono tra le più dure attualmente presenti nel settore, in tabella si possono osservare i numeri.

Screen Shot 2016-09-07 at 11.02.17

Alla tabella si aggiungono i tanti che sono entrati in graduatoria nei posti messi a disposizione dalle due università, basti pensare che tra i corsi di laurea di Medicina (270 posti disponibili con 7.332 candidati) e Odontoiatria (25 posti disponibili su 480 candidati) alla Cattolica di Roma ben 47 allievi sono stati formati con questo Metodo “Cordua”.

Lo scorso 30 agosto si sono tenute a Milano le selezioni nella famigerata facoltà di Medicina e chirurgia del San Raffaele.

I risultati non sono cambiati.

Su 100 posti disponibili con un numero di candidati pari a 2.671 il 1’ posto è toccato alla studentessa di Chiavari, Chiara Deli; alla selezione per il test in Medicina in lingua inglese (47 posti disponibili con 485 candidati) il 3’ posto lo ha conseguito lo studente genovese Francesco Rubino, alla sua compagna di classe “telematica” Alessia Barreca è toccato nuovamente il 1’ posto in graduatoria, bissando così lo stesso piazzamento ottenuto qualche mese prima nella selezione di Roma presso l’università Cattolica.

In totale sono stati in 24 gli allievi della Cordua Formazione a piazzarsi nei posti disponibili nei corsi di laurea di Medicina e Odontoiatria del San Raffaele di Milano.

La forza dei numeri è tale da fare non poca invidia ai tanti che ogni anno si cimentano in questo obiettivo.

“Solo con un lavoro che si anticipa di almeno un anno e accettando alcune regole di atteggiamento è possibile raggiungere questi risultati”, è così che afferma l’ideatore del metodo, Francesco Cordua, poi aggiunge: “negli ultimi 3 anni abbiamo sempre avuto almeno un 1’ posto in graduatoria, quest’anno è a tutti gli effetti un anno da record, sia per i posti più alti raggiunti ma soprattutto per i tanti dei nostri allievi che si sono posizionati tra i migliori d’Italia”.

I primi frutti di una semina iniziata l’anno scorso

La preparazione ai test d’ingresso delle facoltà sanitarie – ormai i nostri ragazzi lo hanno capito con l’esperienza – richiede dedizione, costanza e determinazione, come ogni obiettivo che porta con sé una mole di lavoro molto elevata. La sfida è riuscire a trasmetterlo alle nuove leve che hanno il sogno di diventare medico.

Sono queste le parole di Carlotta Arnaldi, docente di Biologia, originaria di Castellaro (Imperia) la quale inoltre aggiunge: “i primi risultati di questa stagione, infatti, lo confermano ancora: solo chi ha iniziato l’allenamento in largo anticipo è stato premiato”.

Materie come logica e biologia – che costituiscono un’ampia parte del compito – non si possono improvvisare. Il luogo comune secondo cui sia sufficiente un po’ d’intuizione per rispondere con facilità a quesiti di questo genere è una pura illusione. Tanto più che, al test, il tempo a disposizione è di 1 minuto a domanda. Quindi, non solo si deve trovare la procedura corretta, ma è anche necessario essere molto rapidi. Senza contare che il ragionamento logico, nelle scuole italiane, non viene neanche insegnato.

Idem per inglese. Domande che vertono non solo sulla grammatica, ma anche sull’uso della lingua, richiedono una solida conoscenza di base che, come è risaputo, non si mette insieme in qualche settimana di ripasso.

Niente viene lasciato al caso

2016-04-05 17.16.38bbMorale: la preparazione ai test d’ingresso che ogni anno diventano più complessi e competitivi, può essere paragonata a una maratona che, per sua natura, non può essere lasciata al caso e deve essere monitorata in ogni sua fase, per fare in modo di dosare le forze, sia fisiche sia mentali, e raggiungere il traguardo battendo il proprio record personale.

La Cordua Formazione quest’anno è andata oltre ad ogni possibile aspettativa potesse augurarsi a inizio stagione, questi numeri non possono sembrare casuali soprattutto se ottenuti in contesti e in selezioni diverse con decine di migliaia di candidati.

La prossima stagione inizierà il prossimo ottobre e le iscrizioni inizieranno a partire dal 12 Settembre (Numero sede: 010 589501; www.metodocordua.com)

Articolo pubblicato sul Secolo XIX del 07/09/2016