Test di Medicina Statale, ammessi i ricorsisti del 2014


Potranno proseguire gli studi senza avere passato il test di Medicina statale 2014. Si tratta dei circa 9mila candidati al test svolto ad aprile 2014, ammessi al corso di studi grazie alle sentenze del Tar del Lazio, pubblicate il 3 febbraio, che accolgono i loro ricorsi. Questi studenti stavano comunque seguendo le lezioni e dando gli esami perché erano stati ammessi con riserva in attesa dell’esito dei ricorsi.

I ricorsi erano partiti in seguito a presunte irregolarità denunciate da candidati in alcune sedi universitarie il giorno del test di Medicina, l’8 aprile 2014. Il numero di studenti ammessi con ricorso è circa lo stesso di quello degli studenti ammessi regolarmente con lo scorrimento della graduatoria.

Questo è un tema scottante che scatena sempre molte polemiche tra chi sostiene l’abolizione del test di ammissione a Medicina e chi caldeggia solo una riforma del numero chiuso. Un’osservazione che si può fare è che in ogni caso l’ammissione di così tanti studenti produrrà un’accanita concorrenza al momento della selezione per l’accesso alle scuole di specializzazione.

Dopo i sei anni di corso in Medicina, infatti, gli studenti devono affrontare un’altra selezione per accedere ai corsi di specializzazione, che hanno un numero di posti calcolato sulla base delle esigenze delle strutture sanitarie e del numero di accessi regolari avvenuti sei anni prima.