Test di Medicina del San Raffaele, cambiano le date!


Foto Matteo Corner - LaPressecronacaMilano 4 09 2012 Esame di ammissione alla facoltà di medicina all'università statale di Milano Nella Foto un momento del Test

Foto Matteo Corner – LaPressecronacaMilano 4 09 2012 Esame di ammissione alla facoltà di medicina all’università statale di Milano Nella Foto un momento del Test

 

Nel 2016 i grandi assenti dei test di Medicina svolti solitamente in primavera saranno il test di Medicina in inglese e quello in italiano dell’Università San Raffaele di Milano. Sul sito ufficiale dell’ateneo, infatti, è stato annunciato che i bandi per le due prove d’ammissione verranno pubblicati tra i mesi di giugno e luglio 2016:

“I Bandi di Concorso per le ammissioni ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia, IMD program cittadini EU, Odontoiatria e protesi dentaria, – si legge sul sito del San Raffaele – Biotecnologie mediche e farmaceutiche, Biotecnologie mediche molecolari e cellulari, Infermieristica, Fisioterapia, Igiene dentale, Psicologia magistrale, Filosofia, Scienze filosofiche saranno pubblicati nei mesi di giugno/luglio 2016.

Se l’Università Cattolica di Roma, dunque, ha mantenuto le tradizionali date dei test di Medicina in inglese e in italiano programmandoli rispettivamente per il 28 gennaio e il 31 marzo 2016, il San Raffaele ha cambiato rotta. Per quanto riguarda l’area sanitaria, infatti, nel 2015 erano stati solo i test di Odontoiatria, Professioni Sanitarie e Biotecnologie a essere fissati nei primi dieci giorni di settembre. Quest’anno si aggiungeranno i test di Medicina in inglese e in italiano.

Gli allievi del Metodo Cordua stanno lavorando quotidianamente sia in ottica dei test di Medicina della Cattolica, sia in quella delle prove del San Raffaele, senza dimenticare l’allenamento per il test statale. Lo slittamento dei test dell’università milanese a settembre pone proprio l’incognita dell’eventuale sovrapposizione di date con il test di Medicina statale, il più atteso dalle aspiranti matricole delle facoltà sanitarie, sul quale però il Ministero non ha ancora dato indicazioni certe. Per questo è particolarmente importante preparare con il giusto anticipo i test ed evitare quanto più possibile affanni e ansie.