In questi giorni stiamo ricevendo moltissimi messaggi da numerosi aspiranti camici bianchi che – ancora agitati dopo il test dello scorso 3 settembre – si arrovellano pensando a cosa possa riservare loro il futuro. Tutti si augurano di essere entrati a Medicina, questo è chiaro, ma – non avendo ancora certezze su quale possa essere il punteggio minimo per accedere ai corsi dei vari atenei italiani – è altresì indubbio che i ragazzi continuino a interrogarsi (e, in questo caso, anche a interrogare noi) cercando di alimentare il più possibile quel barlume di speranza che arde in loro e alimenta continuamente quel piccolo grande sogno che si portano dietro.

Purtroppo noi – come d’altronde tutti in questa circostanza – risposte certe non ne abbiamo: arrivati a questo punto possiamo solo fare a tutti il nostro migliore in bocca al lupo, consigliandovi di aspettare che escano i risultati del test e, successivamente, che abbiano inizio i vari scorrimenti. Dal canto nostro, però, siamo particolarmente convinti che il punteggio minimo quest'anno si abbasserà rispetto a quello dell'anno passato, e ci sentiamo di affermarlo sulla base di tre diversi indicatori. Il primo riguarda il fatto che per questa tornata sono stati previsti 1433 posti in più, cosa che necessariamente causerà un abbassamento del punteggio minimo per l'accesso al test. A ciò, poi, si aggiunge il fatto che le domande di biologia di quest'anno avevano una difficoltà decisamente maggiore rispetto a quello passato, e questo di per sé rappresenta un fattore da tenere fortemente in conto. Infine, l'aver tolto 10 domande di logica e l'averle sostituite con altrettante di cultura generale ha complicato ulteriormente la questione per gli aspiranti camici bianchi: chi non ha una preparazione adeguata, infatti, con la logica può ancora azzardare una risposta che potrebbe alla fine anche risultare corretta, ma se non si conosce la cultura nella stragrande maggioranza dei casi sbaglia (anche perché in fondo ignorantia non excusat, e non solo legis).
Proprio in questo frangente, però, è facile sorga spontanea una domanda: quanto tempo si dovrà aspettare?


Oltre 60mila ragazzi sono in lizza per raggiungere il traguardo più atteso: accaparrarsi uno dei poco più di 11mila posti disponibili per entrare alla Statale. L’attesa che precede il momento in cui avremo delle risposte concrede sarà sì lunga, ma in realtà non quanto si creda: o, almeno, non quanto l’ansia e la trepidazione potrebbero far sembrare.
Ma andiamo per gradi. Il 3 settembre – come tutti sappiamo – c’è stato il test, e ora ai ragazzi non resta che attendere il “primo step” di quella che potremmo chiamare una sorta di “tabella di marcia” relativa all’iter che a breve si troveranno a dover seguire. Tra poco più di una settimana infatti – precisamente il 17 settembre – tutti gli aspiranti medici avranno accesso al proprio punteggio ufficiale, che riusciranno a recuperare accedendo con le proprie credenziali al portale il test è diventato nazionale) per quel che concerne la scelta delle sedi e l'effettiva assegnazione dei posti l’esame d’accesso a Medicina premia sempre gli studenti che abbiano ottenuto un punteggio migliore e siano, quindi, più in alto in graduatoria: se io, infatti, ho messo come prima scelta Genova mentre un’altra persona l'ha scelta come terza, qualora quest’ultima dovesse avere un punteggio più alto del mio mi passerebbe automaticamente avanti in graduatoria.
Per poter accedere ufficialmente ai corsi universitari, comunque, a questo punto manca ancora un ultimo passaggio: l’immatricolazione. Ciascuno studente, infatti, una volta appreso di essere entrato a Medicina, dovrà anzitutto confermare – accedendo con le proprie credenziali all’area riservata di Universitaly – il proprio interesse entro e non oltre le 12.00 del quinto giorno lavorativo successivo alla pubblicazione della graduatoria o dello scorrimento. Si badi bene che chiunque – per una qualsiasi ragione – non dovesse dare la conferma entro i tempi prestabiliti finirebbe necessariamente per essere escluso dalla graduatoria.

La forza nei nostri numeri

95%

dei successi in medicina - italiano e inglese

80%

dei successi in medicina - italiano

20+

docenti Metodo Cordua

9,8/10

rating dai nostri allievi

Cordua
Piazza della Vittoria, 15
16121 Genova
P.I. 01626200990

010 589501
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Lavora con noi:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Form by ChronoForms - ChronoEngine.com
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.